#018: Waiting is the worst part of anything!

Standard

‘I’m still waiting’, un sacco di canzoni si chiamano così. Forse perché l’attesa è parte della vita. Di certo è parte dell’esperienza di un exchange student.

I’m still waiting, perché la famiglia pare non arrivare mai e posso ancora permettermi di immaginarmi in un qualsiasi posto degli States, sotto il sole della Florida o nel freddo Michigan.

I’m still waiting, perché mancano 3 giorni all’orientation della WEP e non sto più nella pelle, perché conoscero un sacco di gente, qualcuno a cui so già che mi affezionerò molto.

I’m still waiting, perché anche quest’anno scolastico sta finendo e io non me ne sono nemmeno accorta.

Sono 돌아올지도 몰라. Giusto un po’.

#016: I won a scholarship, omg!

Standard

WEP – World Education Program – ha assegnato a Mar’yana Pavlyshyn, studente candidato/a al programma WEP High School Exchange in USA, una borsa di studio del valore di euro 1500. Mar’yana si è infatti distinta per brillanti risultati scolastici, impegno in attività extra-scolastiche e per le sue caratteristiche personali.

E’ stata una gioia enorme ricevere questa raccomandata sabato, dopo una giornata assolutamente no e quando meno me l’aspettavo. Non avrei mai creduto di avercela fatta, ma ringrazio di cuore la WEP ♥ Mi hanno permesso di liberarmi un pochino del senso di colpa e di liberare i miei da molti soldi da pagare. Il momento più bello è stato sentirmi dire “Siamo molto contenti e fieri di te!“. Insomma, sono felicissima!

Aggiornamenti veloci dato che non ho davvero tempo: sabato ho comprato i biglietti per andare all’orientation, ieri ho compilato un questionario che mi ha inviato l’NWS per migliorare la ricerca della famiglia (secondo me non l’hanno nemmeno iniziata), mercoledì ho l’esame scritto del Trinity e sono letteralmente in panico perché non mi sento per niente bene ma l’esame non si può spostare, questa settimana ci sono tre giorni di spettacoli teatrali (sono 7 o.o).

Queste sono tutte le novità. Probabilmente dalla settimana prossima avrò un po’ più di tempo e magari faccio un post più decente. Però dovete augurarmi “buona fortuna”, per arrivarci a settimana prossima! :°D

#014: US be my valentine!

Standard

Non scrivo dall’anno scorso e mi sembra doveroso prendere nota degli ultimi avvenimenti. E’ un caso, ma è già il secondo post che mi capita di scrivere durante un’occasione speciale (anche se mancano 5 minuti a mezzanotte): buon San Valentino, innamorati! ♥ (io festeggio domani, decisamente u.u)

Ero rimasta all’invio del dossier. Bene, dopo un mese (è arrivato a Torino il 22 dicembre) passato a chiedermi che fine avesse fatto ed aspettare che la WEP mi comunicasse se era completo o non, il 25 dicembre mi arriva la fatidica mail, ma non era solo la conferma che era completo (mancano solo delle vaccinazioni/test medici che non mi sono dimenticata, ma sto facendo): c’era anche allegato l’agreement della mai agenzia partner americana. Per chi non fosse pratico di queste cose, l’agenzia partner non è altro che l’agenzia americana che si occupa del tuo piazzamento in una scuola e in una famiglia e che ti segue attraverso i suoi coordinatori locali durante tutto il soggiorno. Ecco, la mia è la NWS Northwest Services-Peace Program (http://www.nw-services.com/). Ha sede centrale a Caldwell, Idaho e diversamente da quello che dice il nome, opera in tutti gli stati americani ad eccezione di Hawaii e New Mexico (da quello che ho capito io, dato che non ci sono coordinatori locali in questi due stati). Guardando un po’ il numero dei coordinatori nei vari stati (http://www.nw-services.com/WiseConsult/NewCoordinator/Images/NewCoordinatorMap.asp) mi sono anche fatta una certa idea su dove è più probabile capitare, ma in realtà non mi voglio esprimere su questo. Da quel che ho capito fanno anche fare volontariato durante il soggiorno! Non sembra un’agenzia molto grande e mi hanno detto che gli scorsi anni gli studenti della WEP che eranno NWSer erano il gruppo meno numeroso. Comunque fino a pochi giorni fa eravamo solo io e Chiara (-ciao compagna♥-) e avevamo iniziato a preoccuparci. In realtà ora siamo 4 e dato che ci sono ancora moltissime persone senza agenzia partner, probabilmente aumenteremo!

A proposito dell’agreement, compilarlo è stata una fatica! Nonostante fossero solo 4 pagine, già alla prima ho incontrato problemi. C’era ben tre cose che mi lasciavano perplessa: tasse di scuole private (non c’entravano con il mio programma), degli spazi con scritto affianco “initial” ma non si capiva iniziali di chi (di uno dei genitori si è scoperto), lo “student code” (che bisognava lasciare in bianco perché lo assegna l’agenzia). Fortunatamente, la NWS ci ha permesso anche di allungare le lettere personali e la mia è venuta decisamente più chiara e carina. Dopo una corrispondenza con Mara (che ha anche dovuto chiedere chiarimenti negli USA ed è stata gentilissima come sempre ♥), ho risolto tutti i miei dubbi e dopo ben 12 giorni (il 6 febbraio) sono riuscita a inviare i documenti. Questo mi è sembrato quasi un passo da giganti! A quest’ora il mio dossier sarà già negli USA da un po’ e questo vuol dire che magari qualcosa si sta già muovendo!

Il 30 poi, ho anche fatto il richiamo del DTaP e quindi ora le uniche cose che mi mancano sono l’ultima dose del vaccino antiepatite B e il test tubercolitico, che posso tranquillamente fare più avanti perché bisogna farlo il più vicino possibile alla partenza. Sì, insomma, ora aspetto. Devo solo fare il pagamento della 1° quota entro il 28 febbraio e aspettare… con calma e serenità. Quantomeno ci proverò! Poi presto dovrebbero anche comunicarci qualcosa riguardo all’orientation e non vedo l’ora di incontrare tutte le persone fantastiche che ho conosciuto e sto conoscendo: cito Gaia, Simona, CaterinaChiara (-di nuovo tu, sìsì *w*-)… (-se state leggendo, ciao donneh tonneh♥-) A proposito di questo, recentemente è stato creato un gruppo ufficiale della WEP per gli exchange students 2012/13, ma anche il gruppo dei Weppi negli USA ha fatto il boom! Ci sono davvero un sacco di persone nuove ed è sempre bello conoscerle!

Okay, lasciamo per un attimo da parte la WEP e gli annessi, e torniamo alla mia vita oltre l’exchange year (se ce n’è una… ultimamente vivo di quello). Bene, nella mia scuola il primo quadrimestre è ufficialmente finito ed è andato bene. Non ho ancora la pagella perché UDITE UDITE dal 4 all’11 febbraio siamo stati a casa, causa NEVE. Giuro che non ha mai nevicato tanto qui, da quanto ci vivo, da 8 anni! Più di una settimana senza scuola. Wow! E’ stato  rilassante stare a casa, ho avuto tutto il tempo di vedermi telefilm (ho finito tre stagioni di Misfits in una settimana) e leggere libri. Ma il rientro, ieri, è stato un’incubo: la nostra aula è la più fredda dell’istituto, 1. si è rotto l’impianto di riscaldamento dell’ala nuova della scuola, 2. noi abbiamo solo tre buchi piccolissimi da cui dovrebbe uscire aria calda. Poi abbiamo anche perso i giorni del fermo didattico che si doveva fare le prime due settimane di febbraio per permettere a chi ha i debiti di recuperare… E stiamo lentamente rientrando nel clima “si fa scuola seriamente”. Penso che presto mi toccherà anche qualche compito/interrogazione. Ho intenzione di mettermi sotto con fisica, che è la mia materia peggiore e l’unica in cui sono peggiorata rispetto agli scorsi anni, anche perché faccio un maledetto liceo scientifico, diamine, e inoltre non posso permettermi di rimanere indietro con nessuna materia, anzi. Ma la cosa peggiore è che febbraio/marzo sono i mesi peggiori non tanto scolasticamente, quanto extraccuricularmente (esiste questa parola?). Sto andando 3 volte a settimana a teatro e 2 volte a settimana al Trinity. Il 14 marzo ho l’esame scritto, il 15, 16 e 17 abbiamo gli spettacoli e in entrambi i casi siamo tremendamente indietro. A volte penso che non avrei dovuto provare a passare dall’ISE1 all’ISE2 in un’anno, però sono convinta che mi gioverà, nonostante la fatica. Anche se ultimamente il mio inglese sta migliorando, lo credo davvero: praticamente vedo tutto in inglese, senza sottotitoli e niente, e non trovo particolari difficoltà (ora capisco anche Sherlock u.u ed è tanto!).

Che altro dire? E’ un periodo in cui non sono esattamente apposto con me stessa, sono insoddisfatta di tutto ciò che faccio e di come sono. Ma come ha detto Clà (-spero tu lo legga♥-) è un periodo e ho ancora 6 mesi per godermi la mia solita vita. Poi si cambia e chissà come sarà!

 Oh cavolo ragazzi, siamo a -6 mesi! ♥

#013: 2012, please, be good to us!

Standard

E’ parecchio che volevo scrivere, per la Vigilia, il Natale, per dirvi ‘happy holidays‘, invece di ‘merry christmas’, che fa così americano… Invece non ne ho trovato il tempo e riesco solo ad augurarvi un buon 2012! Perché a quanto pare un’altro anno è passato, corso, volato… Un’altro anno che mi ha visto in difficoltà ma in risalita, che ha toccato il suo culmine con la fatidica lettera e con la gioia immensa che è seguita. Un anno che mi ha portato a prendere decisioni importanti e a mettermi alla prova… E che quindi merita un grazie!

Le feste stanno volando e comincio a sentire l’arrivo della loro fine. I pranzoni, i cenoni, i panettoni, i torroni… tutte le cose in -oni finiscono per diventare pesanti e stancanti. Ma quest’anno ho cercato e sto cercando di vivere le feste il più possibile: gli ospiti, gli amici di famiglia, le chiamate ai parenti e gli auguri… Ho fatto tutto questo al meglio e ne sono molto soddisfatta! Poi ci sono le cose sempre piacevoli: le tombolate e le partite a carte con gli amici, l’uscire tutti i giorni, i regali… Il Natale e il Capodanno sono eventi che lasciano qualcosa sempre e a prescindere da tutto.

In realtà sono successe un paio di cosette che mi hanno in parte rovinato il Capodanno, ma cercherò di superare anche questo. In fondo i miei genitori sono contenti che io lo passi con loro perché dicono ‘l’anno prossimo chissà dove sarai’… E gli amici li sto vedendo molto in questi giorni e organizzeremo qualcosa prossimamente. Non mi andava di litigare con nessuno il 30 dicembre, ma è successo e meglio ora che mai. Al momento ci sono queste cose nella comitiva che mi lasciano… bho, spaesata. Spero che tutto si risolva perché adoro quelle persone e voglio avere la possibilità di passare più tempo possibile con loro prima di partire.

Ho tanti pensieri in questo momento, tante paure. Perché nel 2012 c’è la fine del mondo asuahuahaua Diciamo io sono più preoccupata per l’inizio della mia nuova vita, che avverrà più o meno tra 7 mesi e mezzo. Ci penso tutti i giorni, tutti i giorni mi immagino da qualche parte lì. Il dossier l’ho inviato il 19 dicembre ed è arrivato a Torino il 22… Forse a causa delle feste non l’hanno ancora controllato e quindi Mara non mi ha ancora comunicato se manca qualcosa o va tutto bene… Incrocio le dita perché voglio che inizino a cercare la mia benedetta host family al più presto! *^* Il periodo morto della ricerca della famiglia è sicuramente stressante e pieno di ansie. Il dossier almeno mi teneva occupata…

In questo momento leggo su Tumblr che da qualche parte è già 2012. Allora affrettiamoci a ringraziare il 2011 per tutto quello che ci ha dato, per gli alti e bassi, per le difficoltà che in fondo fanno solo crescere, per le gioie, la famiglia, gli amici… Personalmente lo ringrazio per il mio mese in Ucraina, a casa, coi miei parenti… per il consenso dei miei genitori e per l’occasione della mia vita… per i miei amici… per cose futili, tipo i Big Bang che vincono agli EMA o le 2NE1 che vincono gli MTV Iggy *__*

E tu, 2012, spero tu sia il mio anno, l’anno dei 18 anni, l’anno della felicità, l’anno del viaggio che cambia la vita ♥ and please, be good to me!

https://i1.wp.com/25.media.tumblr.com/tumblr_lwzbsyTdo61qdabzno1_500.png